Sblocca

logout

Inserisci qui sotto il codice di sblocco

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum
imparosulweb

Edusport

Scienze motorie, attivitÓ fisica e benessere psicofisico

Archivio

  • 2 novembre 2015. Rapporto OMS, numeri, domande e risposte

    A volte si ha come l'impressione che i grandi enti non si rendano conto delle enormi responsabilità che hanno quando lanciano comunicati via internet. È il caso, piuttosto lampante, dell'enorme impatto mediatico che ha avuto e continua ad avere il messaggio divulgato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, dedicato ai rischi comportati da un esagerato consumo di carni rosse e lavorate. Leggiamo insieme il comunicato, le rettifiche e le spiegazioni. 
    leggi tutto

  • 19 ottobre 2015. Roma 2024, sogni ed opportunitÓ

    Intervenendo ad un convegno per gli studenti riuniti nell’Aula Magna della Facoltà di Economia dell’Università Tor Vergata di Roma, dove ha ricevuto dal rettore Giuseppe Novelli il titolo di distinguished professor in Scienze motorie, il presidente del Coni, Giovanni Malagò ha parlato delle opportunità economiche e lavorative che giungerebbero qualora Roma fosse scelta ad ospitare i Giochi del 2014. Ben 170.000 sarebbero i posti di lavoro che si verrebbero a creare. 
    leggi tutto

  • 8 ottobre 2015. Kostner, voglia di gara e normalitÓ

    Una bugia detta per amore, la confessione e la voglia di tornare alle gare: Carolina Kostner, sorridente e in gran forma, parla del suo futuro di atleta e donna. La sua carriera può regalarle ancora molte soddisfazioni.
    L’accordo tra Wada-Coni e il suo staff giuridico, tra tre settimane, a partire dal 1° novembre, le permetterà di tornare a pattinare in «libertà» e dal 1° gennaio, a patto di essere già pronta fisicamente, anche di cimentarsi nelle prime gare.
    leggi tutto

  • 25 settembre 2015. Blengini e la rinascita dell'Italvolley

    L'Italia della pallavolo maschile è diventata da bruco timido e goffo una splendida farfalla. Al termine di una Coppa del Mondo praticamente dominata, gli azzurri hanno ottenuto una qualificazione ai Giochi che fino a poche settimane fa sembrava un traguardo impossibile da raggiungere. Ora il gruppo sembra rinato e la storia è ancora tutta da scrivere.
    leggi tutto

  • 14 settembre 2015. Flavia e Roberta regine americane

    La giornata sportiva perfetta per il tennis e lo sport azzurro: perfetta per tutti gli appassionati di sport. Sabato 12 settembre gli Stati Uniti si sono inchinati a due giocatrici fantastiche italiane, semplici, amiche, vere. Flavia Pennetta ha battuto Roberta Vinci.. ma quel che resta è storia!
    leggi tutto

  • 30 agosto 2015. Azzurri a Pechino, un disastro senza precedenti

    Pechino Desolazione e preoccupazione: con un ridicolo bottino di 0 medaglie, 4 finalisti, 12 eliminazioni su 15 al primo turno, l'Italia dell'atletica è reduce dai Mondiali 2015 con le ossa rotte e il morale a pezzi. Peggio di così non poteva andare: è stato il peggior Mondiale della storia per l’Italia dell’atletica leggera. 
    leggi tutto

  • 24 agosto 2015. Bolt, l'atletica ha ancor il suo Re

    Usain Bolt torna ad essere l'incontrastato - o quasi - re dell'atletica, confermandosi il più forte velocista dell’era contemporanea e prolungando il suo regno sicuramente fino ai prossimi Giochi di Rio. Una finale da sogno che vogliamo rivivere e che resterà negli annali.
    leggi tutto

  • 27 luglio 2015. Berruto, dimissioni scontate

    Dall'incontro che si è tenuto il 27 luglio 2015 tra Mauro Berruto e Carlo Magri, Presidente della Federazione pallavolo, atteso dal momento della “Cacciata dei 4″ da Rio de Janeiro e il quinto posto in World League, ci si aspettava un cambio di rotta per la Nazionale italiana di pallavolo. Le dimissioni di Berruto sono arrivate il 29 luglio.
    leggi tutto

  • 13 luglio 2014. Atletica, segnali di ripresa dagli Under 23

    L’Italia non ha sfigurato agli Europei U23 di atletica leggera, ottenendo il settimo posto nel medagliere e il quinto nella classifica a punti (25 piazzamenti tra gli otto, record assoluto), otto medaglie di cui due d’oro. Numeri che fanno ben sperare, anche se è bene frenare gli entusiasmi, memori di tante delusioni passate.
    leggi tutto

  • 6 luglio 2015. Italvolley, l'ora della riscossa

    Continua il momento di smarrimento della Nazionale italiana vi pallavolo maschile. Una squadra che ancora non ha smaltito la delusione del Mondiale polacco, disputato mostrando mancanza di unità, di carattere, di carisma e, soprattutto, priva di gioco. 
    leggi tutto

  • 29 giugno 2015. Sassari, scudetto storico

    Il trionfo di Sassari è una storia che merita di essere raccontata. La vittoria ai danni della Grissin Bon Reggio Emilia per 4 partite a 3, con l'ultimo match disputato proprio a Reggio e terminato 75-73, resterà negli annali della pallacanestro italiana. Ripercorriamo la grande ascesa del team sardo con la voce dei protagonisti. 
    leggi tutto

  • 22 giugno 2015. Il fallimento del Parma

    E infine giunse il giorno del fallimento ufficiale del Parma. Un giorno temuto ma atteso che giunge a suggellare la più sciagurata delle sue 102 stagioni. Nessun presunto salvatore è riuscito a risolvere il dramma della squadra emiliana, portata alla debacle da Giampietro Manenti e tanti altri personaggi capaci di accumulare debiti enormi: 218 milioni, di cui 74 solo quelli sportivi, di cui 63 verso i calciatori.
    leggi tutto

  • 15 giugno 2015. Tensioni (e bugie) tra rugbisti e Federazione

    Momento di grandi tensioni all'interno della Nazionale italiana di rugby: sembra infatti inevitabile una forte rottura tra i giocatori e la federazione, in seguito al mancato accordo sui premi, rivisti al ribasso e legandoli d'ora in poi ai risultati e non alla sola presenza in Nazionale.
    leggi tutto