Articolo del mese - 8


Approfondimento sullo sport, sulla convivenza civile, sul vivere quotidiano

La visita di idoneità sportiva

La visita di idoneità sportiva è obbligatoria in Italia dal 1982; in questo senso il nostro paese è pioniere rispetto al resto del mondo. La tutela sanitaria dello sportivo è un argomento sempre attuale e importante da molti punti di vista; cerchiamo di capire l’effettiva utilità della visita di idoneità, spiegando in cosa consiste e chi riguarda.
 
Donne che corrono in palestraIl dato relativo a coloro che praticano un’attività sportiva non necessariamente agonistica ma tuttavia impegnativa, è in costante aumento ormai da molti anni. Il progressivo allungarsi della vita media, oltre al crescente allargamento delle fasce d’età praticanti attività sportive, ha fatto sì che la visita di idoneità sportiva interessi oggi una popolazione che va dai 7 ai 70 anni. Essa non deve ridursi ad una mera procedura burocratica né tanto meno ad un ostacolo che ci separa dal praticare liberamente il nostro sport. 
Il medico che effettua la visita ha l’obbligo di accertarsi delle nostre condizioni fisiche tenendo conto che il nostro organismo è un complesso "macchinario" che si evolve costantemente, anche in rapporto all’attività fisica che scegliamo di svolgere. La visita è importante per l’analisi del profilo cardiologico del paziente, per la misurazione della pressione arteriosa sotto sforzo, per rilevare l’efficienza dell’apparato respiratorio e, nel caso dei pazienti più giovani, per identificare la tipologia di attività fisica più specifica ai fini dello sviluppo e della crescita.
 
 
Per chi
La visita di idoneità sportiva è obbligatoria per coloro che praticano attività agonistica e non agonistica organizzata (ovvero presso strutture come piscine, palestre, enti di promozione sportiva). La visita è importante per i giovani, perché permette di scoprire eventuali rischi patologici, e per gli adulti, per stabilire la corretta intensità di lavoro cui ci si può sottoporre. 
Quando s’intraprende un’attività agonistica la visita di idoneità sportiva deve precedere il tesseramento; anzi, non dovrebbe essere possibile tesserarsi presso una Società sportiva, senza aver superato la visita. Compilando un apposito modulo nominativo fornito dalla Società sportiva di appartenenza si accede all’accertamento sia presso ambulatori ASL, sia presso ambulatori o studi privati in cui operano Medici Specialisti dello sport iscritti all’elenco regionale. 
Nel caso di sportivi che intendano intraprendere attività sportive non agonistiche, la visita relativa può essere effettuata dal proprio Medico di Base o dal proprio Pediatra di Base (oltre ovviamente ad uno Specialista dello sport). La legge stabilisce che il costo minimo della visita specialistica è 26 euro per gli atleti under 18, 37 euro per gli adulti (nel costo non sono compresi eventuali esami di accertamento e quello delle urine).
 

Strumento medicoIn cosa consiste
Nel caso della visita per l’idoneità sportiva agonistica gli accertamenti previsti sono: elettrocardiogramma a riposo, elettrocardiogramma dopo esecuzione di step test (3 minuti su gradino di altezza che varia da 30cm per i bambini, 40cm per le donne e 50cm per gli uomini), spirografia con determinazione della capacità polmonare, esame delle urine. Nel caso di particolari sport (alpinismo, attività subacquee e altre ancora) sono previsti testi specifici aggiuntivi. Lo Specialista che ha effettuato il test compila e conserva per 5 anni una cartella clinica con tutte le notizie riguardanti l’atleta; se esso viene giudicato "non idoneo" non potrà essere visitato da un altro specialista prima di 12 mesi.
 
Nel caso di attività sportive non agonistiche la visita consiste nell’accertamento dello stato di "buona salute" del paziente; se la visita è effettuata con lo Specialista in Medicina dello Sport essa deve seguire le stesse procedure previste per l’agonistica. L’atleta minorenne deve essere obbligatoriamente accompagnato dai genitori (che sottoscrivono una dichiarazione di consenso informato).
 
 
L’Italia al primo posto
Dal punto di vista dell’apparato di leggi che codifica la visita di idoneità sportiva l’Italia è all’avanguardia, nonostante l’abolizione delle visite scolastiche e quelle del servizio militare, ormai non più obbligatorio. Sia gli Stati Uniti che l’Unione Europea sono in procinto di modificare il proprio apparato legislativo prendendo spunto dalla "severità" di quello italiano. Tenendo conto di questo, risulta ancor più evidente l’importanza della visita sportiva, per tutte le fasce d’età. Costruire con il medico curante un percorso atto a sviluppare un allenamento realmente funzionale, oltre che rilassante e appagante, è la carta vincente per donare al nostro fisico.
Tutte le Guide Tutte le Guide
Non hai i ruoli richiesti per accedere a questo portlet.
Materiali per la Didattica Materiali per la Didattica
Non hai i ruoli richiesti per accedere a questo portlet.
Pianeta Scuola Pianeta Scuola
Non hai i ruoli richiesti per accedere a questo portlet.
L'Ingrediente del Successo L'Ingrediente del Successo
Non hai i ruoli richiesti per accedere a questo portlet.
Articolo del mese Articolo del mese