Sblocca

logout

Inserisci qui sotto il codice di sblocco

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum
imparosulweb

Edusport

Scienze motorie, attivitÓ fisica e benessere psicofisico

Piccinini e la carriera infinita

Piccinini e la carriera infinita

Parliamo del palmares della pallavolista visto che continuerà (speriamo) ad arricchirsi: 5 scudetti e 6 Coppe Campioni, un Mondiale, un Europeo e una Coppa del Mondo. Dopo aver vinto il campionato col Novara, o meglio dopo aver trascinato la sua nuova squadra, la sportiva ha dichiarato – con la classica schiettezza di quella strana Toscana, poco toscana, vicino Massa di dove la Piccinini è originaria – che «ogni anno dicono che sono finita e ogni anno mi carico. La verità è che solo il campo dimostra quanto vali e io ho appena vinto uno scudetto. Tanto bollita non devo essere».

Classe 1979, ha esordito in serie A nel 1993, quindi a meno di quindici anni. E nella sua carriera ricca di sfide, e soprattutto di soddisfazioni, ha visto scorrere davanti ai suoi occhi (e in campo!) ben quattro generazioni. Inutile chiederle, quindi, a quale compagna si senta più legata. Sarebbe un’ingiustizia per molte.

La vittoria è arrivata giovedì scorso col suo Novara sconfiggendo in finale il Modena. Questo dopo quattro scudetti a Bergamo. Certo, l’impresa non è stata opera di un giorno: «L’anno scorso a Casalmaggiore volevo vincere la Champions e ci sono riuscita. Quest’anno avevo lanciato un’altra sfida: portare Novara allo scudetto. Sono orgogliosa di me». La Piccinini, insomma, sta vivendo al massimo quella che si è soliti chiamare una seconda giovinezza agonistica:  «Sto bene fisicamente, curo il mio corpo e mi sento vent’anni. Anzi. Sono una donna consapevole, equilibrata, lucida e completa. Oggi a vent’anni non ci tornerei mai».

E non basta. Perché la Piccinini è stata eletta recentemente come rappresentante delle atlete nel consiglio federale Fipav, perché, con le sue parole: «Voglio aiutare le giocatrici ad ottenere maternità, pensione e gli stessi stipendi dei maschi. Vent’anni fa le differenze erano grandissime, ora si sono ridotte. Le donne sono toste, prima o poi ce la fanno».

La grinta non le manca: perché fa della schiettezza, in campo e fuori, un punto di forza del suo carattere di donna e di campionessa. E di simbolo della squadra italiana: parliamo di quattro Olimpiadi disputate in 21 anni con la Nazionale, che ha abbandonato solo l’anno scorso coerentemente col suo rendimento.

Ma è anche vero, come abbiamo già raccontato su questo sito, che il contesto era decisamente sfavorevole. La Piccinini ha usato parole (giustamente) di fuoco per l’ex allenatore della nazionale, Bonitta: «Da lui non sono stata apprezzata e tantomeno valorizzata. Voleva essere lui la star e invece il risultato è che in Nazionale c’era solo un gran casino, aveva poca lucidità e a Rio si è visto»). E questa non è solo sicurezza, ma coraggio delle idee.

[Andrea Bianchi]