Sblocca

logout

Inserisci qui sotto il codice di sblocco

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum
imparosulweb

Edusport

Scienze motorie, attivitÓ fisica e benessere psicofisico

Pellegrini, Detti, Paltrinieri e quella giornata che non dimenticheremo

Pellegrini, Detti, Paltrinieri e quella giornata che non dimenticheremo

Momenti indimenticabili quelli che ci hanno vivere gli azzurri ai Mondiali di Budapest; emozioni incredibili quelle vissute guardando gli ultimi 200 stile libero nella vita agonistica di Federica Pellegrini, così come quegli 800 in cui Dotti ha trionfato e Paltrinieri ha vinto il bronzo.

Divina, unica, meravigliosa Federica Pellegrini, così amareggiata al termine dei Giochi che soltanto un anno fa l'avevano tentata di mollare tutto, così forte nel risorgere e conquistare un oro incredibile. «Volevo una medaglia, ma non pensavo certo all'oro. Adesso posso dire di essere in pace. Questi sono i miei ultimi 200 stile, continuerò a nuotare seguendo un altro percorso».

Alla soglia dei 29 anni la Pellegrini ha saputo rimontare e bruciare negli ultimi metri il fenomeno americano Katie Ledecky, 20 anni, campionessa olimpica anche nelle altre vasche oltre che in tutte le distanze dello stile libero. Dalla corsia numero 6 inizia una prima frazione in 27”22 (quinta), passaggio a metà gara in 56”41 (29”19 e quarta), virata dei 150 in 1’25”91 (29”50 e quarta), gli ultimi 50 sono quelli che nessuna sa fare come lei e in 28”82, mentre tutte sbracciano nelle onde, lei allunga le unghie e supera non solo appunto la Ledecky che ha già vinto in Ungheria tre ori, l’australiana Emma McKeon, 23 anni, la stessa che in Brasile le soffiò il bronzo e dietro ancora la russa Veronika Popova strabiliante in semifinale, la beniamina di casa Katinha Hossze solo settima.

Durante la cerimonia Fede canta l'inno con la mano sul cuore e la premia in via del tutto eccezionale Giovanni Malagò, che esclama emozionato: «È la più grande atleta che io abbia mai visto», il commento di Malagò) le consegna l’oro e la abbraccia stretta. Mameli cantato anche dagli ungheresi. Due anni fa disse di voler essere ricordata come la più forte duecentista libera di sempre e questa gara, con il relativo annuncio successivo, lo certificano.

Nelle sei precedenti edizioni dei mondiali Fede c’è sempre stata, anzi spesso si è caricata tutto il nuoto azzurro sulle spalle: seconda a Kazan 2015 con 1’55”32 e Barcellona 2013 con 1’55”14 (nell’anno che aveva preso di pausa, o sabbatico, dopo la delusione ai Giochi di Londra 2012), prima a Shanghai 2011 con 1’55”48 e a Roma 2009 oro col record del mondo di 1’52”98 (gommato) che ancora resiste all’assalto della Ledecky, terza a Melbourne 2007 con 1’56”97 (dopo ave stabilito il record mondo in semifinale con 1’46”57, poi migliorato dalla Manadou in finale con 1’55”52) e seconda a Montreal 2005 con 1’58”73.

Federica è stata il modello vincente per Gabriele Detti: «Avevo in mente Federica: mi sono detto che se aveva chiuso così forte lei dovevo farlo anch’io». Era il modello giusto al momento giusto, «perché lei è infinita e io spero di fare un decimo di ciò che ha fatto e che farà ancora».

Cronaca di un'altra gara pazzesca in cui il livornese è diventato Campione del mondo, ha vinto il duello con il socio Gregorio Paltrinieri — terzo, infilzato anche dal sorprendente Wojdak —, si è ripreso il record europeo con un notevole 7’40”77 e soprattutto ha concluso una rincorsa al se stesso più autentico cominciata dopo i Mondiali di due anni fa, saltati per una malattia.

Vedersi davanti alla tv Paltrinieri che a Kazan gli soffiava proprio il primato europeo prendendosi l’argento dietro Sun Yang (scoppiato e quinto) era stata la molla: «La trasformazione della negatività in positività» la chiama lui. E dopo il bronzo nei 400, ecco il trionfo.

Il compagno di battaglia e grande amico Gregorio Paltrinieri, Campione mondale in carica dei 1500 e vice campione proprio degli 800 dopo l'argento conquistato a Kazan due anni fa, con il suo 7’42″44 si è dovuto accontentare del terzo tempo e di una medaglia di bronzo che comnpleta la festa azzurra.

26 luglio 2017: una giornata storica per il nuoto azzurro e per lo sport in generale.