Sblocca

logout

Inserisci qui sotto il codice di sblocco

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum
imparosulweb

Edusport

Scienze motorie, attivitą fisica e benessere psicofisico

Paavo Nurmi

Paavo Nurmi



Uomo cronometro, finlandese volante, furia del Baltico: la leggenda di Paavo Nurmi, uno dei più grandi fondisti e mezzofondisti del mondo, nasce tra le foreste della Finlandia degli anni ’20.

Nato a Turku nel 1887 (all’epoca capitale della Finlandia, col nome di Abo), vinse un totale di 9 medaglie d’oro e 3 d’argento nelle tre Olimpiadi che lo videro protagonista.

Ad Anversa nel 1920 fu oro nei 10.000 metri, nella corsa campestre (8 Km) e nella corsa campestre a squadre; argento nei 5.000 metri.
A Parigi nel 1924: oro nei 1.500 m, seguito dall’oro nei 5.000 m (seguito nel vero senso del temine; la gara si svolse 26 minuti dopo i 1.500m) e oro nei 3 mila metri a squadre. Altri due ori, sempre a Parigi, nella corsa campestre (10 Km) e nella corsa campestre a squadre. Questa fu l’ultima volta in cui si corsero le gare di corsa campestre, molti atleti abbandonarono la corsa o furono ricoverati in ospedale a causa del gran caldo.
Ad Amsterdam nel 1928, oro nei 10 mila metri; argento nei 5 mila e nei 3 mila siepi.
Nel 1932 venne escluso dai Giochi di Los Angeles perché accusato di aver gareggiato da professionista, contravvenendo a una delle principali regole olimpiche.

Paavo Nurmi abbassò 26 primati mondiali e stabilì 5 migliori prestazioni indoor in varie distanze comprese tra i 1500 metri e i 20 chilometri.
Il finlandese volante diventò eroe di una Nazione che da poco aveva conquistato l’indipendenza e certamente contribuì con le sue imprese a indicare al mondo la posizione della Finlandia nelle carte geografiche. Paavo era finlandese di nascita e di indole, introverso, tenace, altero, tenebroso, somigliava ai terreni insidiosi in cui si era formato le gambe e il carattere, correndo da solo con il suo cronometro in mano. 
La tecnica di corsa di Paavo Nurmi, per quanto mitizzata nelle storie di adulti e ragazzini, era frutto di fatiche indicibili e costante raziocinio. Correva con un cronometro nella mano sinistra, sempre, in prova come in gara, controllando il suo tempo a ogni giro. Era quello il solo compagno, l’unico avversario: se stesso. Lo scopo era correre l’ultimo metro di una corsa massacrante con lo stesso tempo del primo. E ci riusciva.

Davanti allo stadio di Helsinki lo sguardo lontano di Nurmi è immortalato in una statua eretta in suo onore. Quando si ritirò dalle piste, sparì; non concesse interviste, né apparizioni pubbliche. Fino al 1952 quando ormai anziano entrò come Tedoforo nello stadio di Helsinki, accolto dagli applausi di uno stadio in piedi.

Quando morì il 2 ottobre 1973, venne salutato da funerali di Stato, come i più grandi eroi nazionali. Davanti allo stadio di Helsinki campeggia una sua statua (foto a destra).