Sblocca

logout

Inserisci qui sotto il codice di sblocco

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum
imparosulweb

Edusport

Scienze motorie, attivitÓ fisica e benessere psicofisico

La giornata storica del calcio femminile

La giornata storica del calcio femminile

Durante la stagione la Juventus gioca in un campo attrezzato dello Juventus Training Center di Vinovo, un comune a sud di Torino. Data l’importanza della partita contro la Fiorentina e le condizioni organizzative favorevoli, la società ha potuto spostare l’incontro a Torino, dove è stato stabilito il record di presenze per una partita di calcio femminile italiana.

I 39mila spettatori (donne, uomini, adulti e bambini) che hanno gremito l'Allianz Stadium stabilendo una cifra che rappresenta il nuovo primato di pubblico per una partita di calcio femminile disputata in Italia. Polverizzato il record precedente che risaliva al 2008, quando allo stadio Bentegodi la sfida di Coppa Uefa tra Bardolino Verona e Francoforte aveva attirato 14mila persone.

Quello dello Stadium è stato un pomeriggio indimenticabile per il movimento in un anno, il 2019, durante il quale si disputerà la fase finale dei Mondiali in Francia (7 giugno-7 luglio) e che vedrà il grande ritorno delle azzurre qualificatesi dopo un'astinenza che durava dal 1999.

Tanto tifo, ovviamente, ma anche tantissimo fairplay, sia tra le ragazze in campo, nonostante l'altissima posta in palio della partita, sia sugli spalti, dove i sostenitori di casa non hanno mai fatto mancare il proprio apporto alle bianconere ma hanno applaudito anche le avversarie, dando vita nel secondo tempo anche a una spettacolare 'ola'.

Alla fine ha vinto la Juventus grazie il gol al di Sofie Junge Pedersen all'83', che a 3 giornate dal termine ha portato a +4 il vantaggio delle ragazze di Rita Guarino proprio sulle avversarie di giornata, indirizzando dunque in maniera forse decisiva lo scudetto. 

L’1-0 finale a favore della Juve campione in carica indirizza eccome la bagarre per lo Scudetto: bianconere a 50 punti in classifica, 4 lunghezze in più della Fiorentina che resta a quota 46 quando mancano tre giornate alla fine del campionato. Certo è che il 24 marzo 2019 resterà una data memorabile nel movimento calcistico femminile in Italia, vetrina doverosa durante la sosta per le Nazionali in campo maschile.

Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, ha sottolineato la grande partecipazione di pubblico per Juventus-Fiorentina, giocata sul terreno dello Stadium: «Quella dell’Allianz Stadium è stata una grande testimonianza di crescita e sviluppo di un movimento che è diventato un vero e proprio patrimonio della Figc, grazie ad alcune protagoniste come le atlete ma anche come il nostro Ct Milena Bartolini, tecnico di punta del nostro movimento e figura importantissima per il lavoro di rilancio e di riorganizzazione del calcio femminile che è riuscita a fare. Oggi ne stiamo raccogliendo i frutti e spero vivamente che questo entusiasmo possa trasmettersi anche sulla Nazionale italiana impegnata nel Mondiale dal 7 giugno al 7 luglio».

Ha poi proseguito: «Un grazie alle ragazze che stanno facendo un grandissmo lavoro, alla ct Bertolini perchè la qualificazione ai Mondiali è un grande traino e che vorremmo portare il 9 aprile a Reggio Emilia, dove ci auguriamo ci sia la stessa partecipazione”, ha detto ancora Gravina. “Torino non deve essere una eccezione ma una regola, perchè non ci devono essere differenze di genere. Il calcio è sempre grande passione”, ha ribadito. A chi ha parlato di grande afflusso allo stadio solo perchè i biglietti erano gratuiti, Gravina ha replicato: “Anche a titolo gratuito se non c’è interesse la gente non viene allo stadio, la gente si sposta perchè c’è passione. Ieri è stato un inno allo sport».