Sblocca

logout

Inserisci qui sotto il codice di sblocco

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum
imparosulweb

Edusport

Scienze motorie, attivitą fisica e benessere psicofisico

06/06/2018 - Tennis

06/06/2018 - Tennis

Un sogno che si realizza: Marco Cecchinato, il tennista di Palermo che a 25 anni non aveva mai superato nemmeno un turno negli Slam, conquista le semifinali a Parigi battendo Novak Djokovic, numero 1 del mondo per 223 settimane, di cui 122 consecutive, campione nel 2016 sotto la Tour Eiffel e vincitore di 12 major. È una delle imprese più importanti nella storia del tennis italiano, un qualcosa che va oltre lo stesso tennis e s’inserisce di diritto nella storia dello sport azzurro in assoluto. L’ultimo a centrare le semifinali in uno Slam era stato Corrado Barazzutti nel 1978, proprio a Parigi: sono passati 40 anni esatti. Per Cecchinato è la rivincita dopo il buio nel quale era caduto nel 2016, quando fu squalificato dal Tribunale Federale della Fit per 18 mesi per scommesse. In appello la squalifica fu ridotta a un anno, fino alla sentenza definitiva dopo altri 5 mesi: a dicembre del 2016 il Collegio di Garanzia Coni stabilì l'estinzione del procedimento disciplinare accogliendo il ricorso per un difetto procedurale. Dopo un 2016 difficilissimo, un 2018 indimenticabile.