Sblocca

logout

Inserisci qui sotto il codice di sblocco

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum
imparosulweb

Edusport

Scienze motorie, attivitą fisica e benessere psicofisico

05/09/2019 - Tennis

05/09/2019 - Tennis

Ha aggiornato la storia del tennis italiano al maschile a New York aggiungendo un nuovo, emozionante capitolo Matteo Berrettini. E lo ha fatto superando da campione anche un’avversaria infida e subdola come la paura di vincere. Nella serata italiana l’azzurro, numero 25 del ranking mondiale e 24esima testa di serie (ma è già sicuro di ritoccare il “best”: numero 20), sull’Arthur Ashe Stadium ha sconfitto per 36 63 62 36 76(5), dopo quasi quattro ore di lotta, il francese Gael Monfils, numero 13 del ranking e del seeding, conquistando una storica semifinale agli Us Open, 42 anni dopo Corrado Barazzutti (al penultimo atto a Forest Hills nel 1977 quando si giocava sulla terra verde, battuto poi da Connors). Il 23enne romano è diventato così il quarto italiano nell’Era Open (cioè dal 1968) a centrare una semifinale Slam (dopo Panatta, che al Roland Garros ha vinto il titolo nel 1976 ed è stato semifinalista nel 1975 e nel 1973; Barazzutti, in semifinale agli Us Open nel 1977 e a Parigi nel 1978; Cecchinato, semifinalista al Roland Garros lo scorso anno), il più giovane di tutti.