Sblocca

logout

Inserisci qui sotto il codice di sblocco

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum
imparosulweb

Edusport

Scienze motorie, attivitą fisica e benessere psicofisico

05/02/2018 - Rugby

05/02/2018 - Rugby

Una coraggiosa Italia per lunghi tratti tiene testa all’Inghilterra schiacciasassi degli ultimi due anni con belle prove degli “Under 10 caps”, come Minozzi, Bellini, Boni e Castello. Disciplinata e attenta in attacco, qualche svarione in difesa nei primi dieci minuti e negli ultimi contro i favoriti del torneo che hanno fatto valere una fisicità impressionante. Due minuti, 57 secondi: e l'Inghilterra ha marcato la prima meta con Watson, grazie ad una manovra tanto elementare quanto efficace. Dopo appena 11 minuti, l'Italia reagiva in maniera inaspettata muovendo il pallone con i trequarti a sinistra fino a Bellini, poi dal punto di incontro si ripartiva a destra e Allan con un passaggio di 20 metri pescava Benvenuti. La meta dell'ala veniva trasformata dal numero 10, e quei 7 miracolosi punti ci hanno riportato sorprendentemente in partita. Nella ripresa, la meta di Ford ha aumentato ancora il divario (-19) ma non ha scalfito la determinazione dei ragazzi di O'Shea. Con il passare dei minuti però lo spessore fisico e tecnico inglese ha finito inevitabilmente per pesare. Sono arrivate le mete di Ford, Simmonds e Nowell.